Home / Fai da te / Realizzare uno specchio con cornice in legno

Realizzare uno specchio con cornice in legno

Alcuni specchi sono belli come quadri appesi alla parete. Proprio come quello che potrete realizzare facilmente da soli seguendo le nostre istruzioni. E per rendere lo specchio ancora più bello: rispecchiatevi più spesso!

 

Il nostro consiglio per la costruzione è facile da seguire: lo specchio, incollato su un pannello un poco più grande, viene decorato da una cornice di listelli in legno massiccio, avvitati al pannello. Un elemento interessante è l’aggancio alla parete, infatti lo specchio sembra staccarsi dalla parete.

Le seguenti istruzioni di montaggio sono concepite per legno di faggio incollato dello spessore di 20 mm. Qualora venissero utilizzati altri materiali o altri spessori, sarà necessario adeguare di conseguenza l’elenco dei particolari.

Recatevi in un centro per il bricolage o dal vostro falegname per far tagliare i pannelli necessari.

Guida

Preparazione del pannello dello specchio per i listelli della cornice

Posizionare sulla superficie di lavoro il pannello dello specchio con il retro rivolto verso il basso. Sistemare lo specchio al centro del pannello misurandolo con un metro pieghevole, in modo tale che il bordo rimanga della stessa larghezza su tutto il contorno. Segnare il contorno dello specchio a matita sul pannello e togliere nuovamente lo specchio.

Eseguire le preforature per il successivo avvitamento dei listelli della cornice con il pannello dello specchio servendosi di un trapano e di una punta per legno da 4 mm. Eseguire tre fori al centro sulla superficie tra i segni a matita e il bordo esterno del pannello dello specchio. Svasare i fori dal retro.

Lavorazione e montaggio della barra per appendere lo specchio e dei distanziatori

Tagliare due barre da un pannello di 500 mm di lunghezza e 120 mm di larghezza. A tale scopo impostare la lama del banco sega a 45° e tagliare il pannello per i listelli di fissaggio a parete secondo lunghezza. Per eseguire un taglio dritto, fissare con una morsa un listello che servirà da guida parallela.

Preforare quindi i listelli per il fissaggio a parete con il trapano ed una punta per legno da 4 mm, dopodichè svasare i fori sul lato più largo del listello. Preforare anche il distanziale per l’avvitamento sul retro, come descritto, quindi svasare i fori.

Perchè lo specchio sia sicuro e dritto, la barra deve essere montata sul pannello dello specchio e sulla parete della stanza con precisione. Per il montaggio alla parete servirsi di una livella.

Per il fissaggio sul pannello dello specchio, posarlo sui cavalletti con il lato anteriore rivolto verso il basso. Disporre la barra all’altezza indicata sul disegno sul retro, quindi avvitare il listello attraverso le preforature eseguite servendosi di un avvitatore a batteria e viti 4 x 35 mm. Procedere nello stesso modo anche con il listello distanziatore.

Suggerimenti relativi all’avvitamento di due componenti di legno

Eseguire sempre sul pezzo che dovrà essere avvitato per primo un preforo con un diametro da 0,5 a 1 mm più grande del diametro della vite; il foro dovrà essere svasato al fine di contenere la testa della vite. Nel pezzo che viene forato per secondo, eseguire sempre i fori con un diametro inferiore di 1 mm rispetto al diametro della vite.

Lavorazione del retro dello specchio e incollaggio dello specchio

Perchè il nastro adesivo dello specchio sia sufficientemente aderente, verniciare la superficie da incollare segnata a matita nella prima fase di lavoro. Levigare con carta abrasiva con grana 180 nel senso delle fibre. Trattare la superficie con poca vernice trasparente a spruzzo. Una volta asciugata la vernice, levigare ancora una volta la superficie e passare la seconda mano, più abbondante. Una volta asciutta la vernice, sarà possibile applicare lo specchio con il nastro adesivo apposito.

A tale scopo, appoggiare lo schienale sui cavalletti con il lato anteriore verso l’alto. Il contorno dello specchio tracciato nella prima fase di lavoro è ancora visibile. Per riuscire a posizionare lo specchio con precisione, fissare due listelli ad angolo retto con la morsa su uno degli angoli demarcato. Serviranno da battuta per il posizionamento dello specchio.

Applicare sul retro dello specchio alcune strisce di nastro adesivo apposito, togliere la pellicola protettiva e incollare lo specchio nell’angolo tracciato sul pannello dello specchio.

Assemblaggio dei listelli della cornice con il pannello dello specchio

Fissare i listelli della cornice uno dopo l’altro con la morsa sul pannello dello specchio attorno allo specchio come sul nostro disegno. Con l’avvitatore a batteria e le viti 4 x 35 mm eseguire l’assemblaggio attraverso le preforature eseguite nella fase di lavoro uno. Attenersi anche ai nostri consigli per avvitare due pezzi di legno nella fase di lavoro numero due.

Applicazione dello specchio

Fissare le due barre con tasselli alla parete della stanza con i tasselli, in base alle condizioni della parete. Segnare le posizioni dei fori attraverso le preforature del listello, che dovrete tenere precisamente orizzontale (aiutarsi con una livella).

Avvertenza per i tasselli

Oggigiorno la struttura delle pareti passa dalla muratura a secco fino al calcestruzzo massiccio. Verificare le condizioni della parete. In base al tipo di struttura della stessa occorrerà scegliere tasselli diversi per il fissaggio del listello.

Eseguire i fori con trapano o martello perforatore, a seconda del tipo di parete, e una punta per pietra, aspirare la polvere e inserire i tasselli. A questo punto sarà possibile fissare il listello con l’avvitatore e le viti adatte, quindi appendere lo specchio.

 

Levigatura delle superfici in legno

Affinchè la superficie sia la migliore possibile, dovrebbe essere sottoposta al necessario trattamento prima del montaggio della cornice.

Rompere quindi tutti gli spigoli della cornice utilizzando carta abrasiva da 120 o 180 e lavorando con un angolo di 45°, in modo che si crei un piccolo smusso. Levigare le superfici a vista utilizzando la levigatrice sempre nella direzione delle venature del legno, dapprima con carta abrasiva a grana grossa (120, 180), quindi con carta abrasiva più fine (fino a 240).

Successivamente le superfici vengono irrigate con l’ausilio di una spugna e quindi lucidate a umido. Durante l’asciugatura si sollevano le fibre del legno localmente staccate che provvederete quindi ad eliminare delicatamente con la carta abrasiva da 180. A questo punto il legno è pronto per il trattamento superficiale. Piccolo suggerimento: accertarsi che la carta abrasiva non sia troppo consumata e che le fibre del legno vengano effettivamente troncate e non solo schiacciate.

Tinteggiatura delle superfici

Con il termine mordente si indica un prodotto per la colorazione del legno. Il mordente può essere applicato con una pistola a spruzzo. In seguito all’applicazione del mordente, il legno non ha ancora alcuna protezione superficiale; la ottiene solamente dopo l’applicazione della cera o della vernice.

Leggere innanzitutto con attenzione i suggerimenti del produttore relativi alla lavorazione e alla sicurezza. Lavorare in un locale ben aerato ed evitare di fumare, mangiare e bere nel locale stesso.

Se come operazione successiva si desidera applicare un altro materiale con la pistola a spruzzo, è necessario sostituire il serbatoio del colore.

Suggerimento per la tinteggiatura

Lavorare su superfici verticali procedendo sempre dal basso verso l’alto. Visto che la tinta è fluida e la superficie del legno tende ad assorbirne molta, la tinta stessa potrebbe altrimenti colare verso il basso e creare le cosiddette colature, che rimangono visibili.

 

Verniciatura dei listelli della cornice

Le vernici sono disponibili in molte varianti e molti livelli di prezzo. Fattori determinanti per la scelta sono la lavorabilità, l’attrezzatura tecnica a vostra disposizione e le esigenze di qualità e resistenza della superficie. Chiedete consiglio presso i rivenditori specializzati. E qualora non abbiate grandi esperienze con la verniciatura, è consigliabile esercitarsi un po’ su di un pezzo di prova.

Il risultato migliore e più rapido si ottiene con le vernici acriliche. Queste vernici diluibili con acqua si possono applicare in modo particolarmente facile e veloce con una pistola a spruzzo.

Caricare il serbatoio del colore con la vernice e, all’occorrenza, diluirla con un po’ di acqua. Spruzzando su un pannello di prova, regolare il getto di spruzzo sull’ugello e la quantità di colore con la rotellina di regolazione. Il getto dello spruzzo può essere regolato in orizzontale o in verticale per le superfici e in forma conica per gli spigoli.

Applicare a questo punto il primo strato di vernice leggero. Iniziare con i bordi e verniciare quindi le superfici, procedendo con passate uniformi e parallele.

Anche in questo caso è possibile che – come già visto per l’irrigazione delle superfici – si sollevino ancora le fibre del legno: non appena la vernice sarà asciutta, queste fibre dovranno essere eliminate delicatamente passando carta abrasiva da 220 o 240 nella direzione delle venature.

Per la seconda mano utilizzare la stessa vernice trasparente già usata per il fondo. Questa volta è possibile applicare la vernice in quantità maggiore. Iniziare nuovamente con i bordi per dedicarsi quindi alle superfici, procedendo con passate uniformi e parallele.